Termografia di superfici affrescate, intonacate o rivestite
all'interno o all'esterno di edifici

il servizio

La diagnosi permette l'individuazione di elementi del degrado e la caratterizzazione delle strutture di supporto.

Attraverso l'elaborazione dei dati si individuano e rilevano elementi non visibili ad occhio nudo:

  • cavità interne alla muratura
    che possono creare fenomeni di condensa o trasmissività termica anomala;
  • elementi strutturali
    dei quali è possibile ottenere il posizionamento e le dimensioni: archi di scarico, pilastri, architravature, strutture lignee di sostegno;
  • materiali componenti la muratura di supporto;
  • localizzazione di impianti e condutture ed individuazione di perdite
    che causano problemi di conservazione della superficie;
  • aperture tamponate e particolari architettonici
    presenti all'interno di una muratura ricoperta di intonaco.

Inoltre attraverso la tecnica termografica si localizzano elementi del degrado:

  • distacchi dell'intonaco o del rivestimento;
  • fenomeni di alterazione e degrado, superficiali e sottosuperficiali (decoesione);
  • infiltrazioni di umidità o condensa, con individuazione della fonte;
  • lesioni strutturali.
volta affrescata termografia della volta afrescata composizione di una muratura impianto di riscaldamento a pavimento
Il termogramma in alto mostra l'origine dell'infiltrazione causa del degrado nella volta affrescata.
I termogrammi sotto mostrano la composizione di una parete e l'individuazione di una perdita nell'impianto di riscaldamento a pavimento.

il metodo

Il termogramma si presenta come un immagine in cui ad ogni colore corrisponde una temperatura secondo una scala predefinita.

I risultati sono accompagnati da fotografie e macrofotografie a luce riflessa e/o radente e da un'indagine termoigrometrica. Possono essere integrati con restituzioni grafiche su prospetti, piante e sezioni per una localizzazione più puntuale delle evidenze scaturite dall'analisi.

L'indagine diagnostica all'infrarosso per imaging è condotta secondo normative UNI in materia di prove non distruttive, in particolare si applica la UNI 9252 per la metodologia e la UNI 9124 per la definizione delle anomalie del degrado.

Report: i rilievi vengono presentati in un dossier in cui sono contenute le immagini rilevate, i commenti relativi alla tecnica d'indagine utilizzata e i risultati ottenuti.